Selezione Ufficiale

EL AKHIRA. LA DERNIÈRE REINE
THE LAST QUEEN

di Adila Bendimerad, Damien Ounouri
Algeria, France, Saudi Arabia, Qatar, Taiwan, 2022, 110', color
Sceneggiatura: Adila Bendimerad, Damien Ounouri
Le date saranno presto disponibili

fotografia
Shadi Chaaban
montaggio
Matthieu Laclau
Yann-Shan Tsai
musica
Evgueni & Sacha Galperine
suono
Amine Teggar
Li Dan-Feng
scenografia
Feriel Gasmi Issiakhem
costumi
Jean Marc Mireté

interpreti
Adila Bendimerad (Zaphira)
Dali Benssalah (Aroudj “Barbarossa”)
Tahar Zaoui (King Salim Toumi)
Imen Noel (Queen Chegga)
Nadia Tereszkiewicz (Astrid “the Scandinavian”)

produzioni
Taj Intaj
Agat Films
co-produzioni
CADC (Centre Algérien de Développement du Cinéma)
Birth
Orange Studio
Long Hu Bao International Entertainment
TAICCA (Taiwan Creative Content Agency)
Taiwan’s International Co-funding Program
The Red Sea Film Festival Fondation
produttori
Adila Bendimerad
Patrick Sobelman
Damien Ounouri
Roger Huang
Justine O.

in collaborazione con
FDATIC du Ministère de la Culture et des Arts d’Algérie
Aide aux Cinémas du Monde – CNC
ART
con il supporto di
DFI (Doha Film Institute)
Institut Français d’Algérie
AFAC (The Arab Fund for Arts and Culture)

vendite internazionali
The Party Film Sales
www.thepartysales.com
per conto di Orange Studio

ufficio stampa internazionale
NOISE Film & TV
Mirjam Wiekenkamp
noisefilmpr.com
mirjam@noisefilmpr.com

Algeria, 1516. Il pirata Aroudj Barbarossa libera Algeri dalla tirannia degli spagnoli e prende il potere. In giro si dice che, nonostante il patto d’alleanza stretto, abbia ucciso il re Salim Toumi. Incredibilmente, è una donna a opporsi al corso degli eventi: la regina Zaphira. Tra storia e leggenda, le gesta di Zaphira sono il simbolo di una sfida e di un travaglio personale e politico affrontati per il bene di Algeri.

Adila Bendimerad, Damien Ounouri
2022 El Akhira. La Dernière Reine

Damien Ounouri
2016 Kindil El Bahr (cm)
2012 Fidaï (doc)

«Per il nostro primo lungometraggio, abbiamo deciso di immergerci nell’Algeria del XVI secolo, un paese la cui storia pre-coloniale è scarsamente rappresentata. È stata una scelta poetica e politica. Volevamo dirigere una tragedia umana e universale, epica e intima. Dovevamo trovare la tessera mancante del puzzle per ridare equità al mondo, portando alla luce le storie oscurate. Un doppio oblio a cui opporsi, perché abbiamo narrato la storia dal punto di vista femminile, cioè di una regina la cui esistenza è stata messa in dubbio nel corso dei secoli, rendendola un personaggio situato a metà tra realtà e leggenda».

Adila Bendimerad è un’attrice, sceneggiatrice e produttrice algerina. Come interprete ha lavorato spesso con registi mediorientali, tra cui Merzak Allouache e Georges Hachem. Nel 2011 ha fondato la società di produzione Taj Intaj con l’obiettivo di promuovere i giovani talenti algerini. Damien Ounouri è un regista franco-algerino residente ad Algeri che ha studiato teoria del cinema e si è formato da autodidatta. Dopo il documentario Fidaï, coprodotto da Jia Zhang-Ke e presentato al Festival di Toronto nel 2012, ha diretto il cortometraggio Kindil El Bahr, scritto con Bendimerad e proiettato in anteprima alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes, 2016). El Akhira. La Dernière Reine rappresenta per entrambi l’esordio nel lungometraggio.