Selezione Ufficiale

BĚŽNÁ SELHÁNÍ
ORDINARY FAILURES

di Cristina Groșan
Repubblica Ceca, Ungheria, Italia, Slovacchia, 2022, 84', colore
Sceneggiatura: Klára Vlasáková
03 SETTEMBRE 22:00 - Sala Corinto
Press, Industry
05 SETTEMBRE 11:15 - Sala Perla
Pubblico, tutti gli accrediti
Segue Q&A
08 SETTEMBRE 22:00 - Sala Corinto
Pubblico, tutti gli accrediti

fotografia
Márk Győri
montaggio
Anna Meller
musica
Pjoni
suono
Filippo Barracco
Ivan Caso
Pavel Jan
scenografia
Antonín Šilar
costumi
Petra Krčmářová

interpreti
Taťjana Medvecká (Hana)
Beáta Kaňoková (Silva)
Nora Klimešová (Tereza)
Vica Kerekes (Edita)
Adam Berka (David)
Rostislav Novák jr. (Stanislav)
Jana Stryková (Karolína)
Luboš Veselý (Václav)

produzione
Xova Film
co-produzioni
Laokoon Filmgroup
Rosamont
Czech Television
Super film
produttore
Marek Novák
co-produttori
Judit Stalter
Marica Stocchi
Monika Lošťáková
Zuzana Jankovičová
Simona Hrušovská
Veronika Kocourková

con il supporto di
Czech Film Fund
Eurimages
National Film Institute Hungary
Ministero della Cultura
Slovak Audiovisual Fund
Prague Film Fund
Fondo audiovisivo del Friuli Venezia Giulia
Pilsen Region
Regione Lazio
Filmová NADACE
in associazione con
ARTE G.E.I.E.

vendite internazionali
Totem Films
www.totem-films.com
hello@totem-films.com

ufficio stampa internazionale
Gloria Zerbinati
gloria.zerbinati@gmail.com

Un’adolescente disadattata, una madre ansiosa, una donna da poco vedova. La loro giornata è interrotta improvvisamente da un misterioso fenomeno naturale. Mentre il loro mondo precipita nel caos, le tre donne lottano per trovare un posto nella vita.

2022 Běžná selhání (Ordinary Failures)
2021 Things Worth Weeping For
2020 Along Came a Prince (cm)
2013 Holiday at the Seaside (cm)

«Farcela a malapena: questa frase sembra descrivere la nostra esistenza quotidiana, quando cerchiamo di scansare qualsiasi cosa ci venga lanciata addosso. Per evitare di crollare, una vedova non elabora il proprio lutto. Per compiacere i suoi genitori, un’adolescente queer si sforza di essere quella che non è. Mentre una madre disoccupata si vergogna di chiedere aiuto. Prese dai loro fallimenti personali, non osservano il quadro generale. Fuori sta accadendo qualcosa. Nel mezzo di un mondo che si sta sgretolando, hanno bisogno di ritrovarsi, di rallentare e di ascoltare. La loro lotta ha un motivo. È il desiderio di un nuovo mondo».

Cristina Groșan è una regista e artista visiva ungherese-rumena che indaga le lotte interiori e i modi in cui (mal)comunichiamo tra di noi. Il suo film d’esordio Things Worth Weeping For è stato presentato in anteprima nel 2021 al Festival di Sarajevo. In precedenza, il cortometraggio Holiday at the Seaside, che esplora un rapporto madre-figlia, è stato proiettato in più di quaranta festival e ha raggiunto un milione di visualizzazioni online. Ordinary Failures è il suo secondo lungometraggio.