Eventi Speciali

ACQUA E ANICE
OLIMPIA'S WAY

di Corrado Ceron
Italia, 2022, 115', colore
Sceneggiatura: Federico Fava, Corrado Ceron con la collaborazione di Valentina Zanella
Le date saranno presto disponibili

fotografia
Massimo Moschin
montaggio
Davide Vizzini
musica
Daniele Benati
Claudio Zanoni
suono
Andrea Guerrini
scenografia
Massimo Pauletto
costumi
Marzia Paparini

interpreti
Stefania Sandrelli (Olimpia)
Silvia D’Amico (Maria)
Paolo Rossi (Gimmi)
Luisa De Santis (Clara)
Paolo Cioni (Romeo)
Diego Facciotti (Silvio)
Giancarlo Previati (Giovanni)
Stefano Bicocchi aka Vito (Osvaldo)

produzione
K+
produttori
Nicola Fedrigoni
Valentina Zanella
con
Rai Cinema
con il sostegno di
Regione Emilia-Romagna
Emilia-Romagna Film Commission

vendite internazionali
Fandango
www.fandango.it/sales
sales@fandango.it

distribuzione italiana
Fandango
www.fandango.it
fandango@fandango.it

ufficio stampa italiano
Gabriele Barcaro
press@gabrielebarcaro.it

Acqua e anice è un “road movie da balera” che racconta la storia di Olimpia, una leggenda del liscio che a settant’anni suonati decide di rimettere in strada il furgone della sua orchestra: stavolta, però, non si tratta di partire in tournée, ma di intraprendere un viaggio dalle persone che l’hanno amata e nei luoghi che l’hanno resa una star. Con lei, una giovane donna, Maria, timida e impacciata, appena ingaggiata per farle da autista.

2022 Acqua e anice
2019 La musica ri-unisce (doc)
2019 The Rain Inside (cm)
2015 Scorciatoie (cm)
2013 Un amore di plastica (cm)
2011 Prendere i cinghiali con le mani (cm)
2010 Il mio primo schiaffo (cm)

«Viaggio di addio e percorso di iniziazione, inno alla vita e alla libertà di scelta, Acqua e anice alterna ironia e commozione cogliendo gli aspetti più profondi e divertenti di queste due donne in viaggio, cercando un equilibrio tra il tono dissacratorio e scanzonato della commedia e quello più malinconico del dramma. La cinepresa è incollata a Olimpia, ridiamo e piangiamo con lei, vediamo le sue allucinazioni, confondiamo passato e presente, proprio come lei. Il film è il mio omaggio a una donna che ha avuto il coraggio di fare una scelta radicale, andandosene via col suo stile inconfondibile».

Corrado Ceron (Vicenza, 1980) si è laureato in Filosofia all’Università Cattolica di Milano e diplomato a Roma in Regia cinematografica. Nel 2013 ha realizzato Un amore di plastica aggiudicandosi il premio come miglior cortometraggio al Social World Film Festival di Vico Equense. L’anno seguente, in veste di aiuto-regista, ha lavorato al lungometraggio Diminuta di Bruno Saglia. Nel 2015 ha diretto il cortometraggio Scorciatoie, premiato in vari festival. Un anno dopo, con la sceneggiatura di Zanzare, scritta a quattro mani con Federico Fava, è tra i finalisti del Premio Solinas. Nel 2018 firma il corto Apnea, vincendo il primo premio alla prima edizione del Vertical Movie di Roma. Lo stesso anno, con la sceneggiatura di Acqua e anice riceve la borsa di sviluppo dal bando Siae/Centro Sperimentale.