2020
CHI SIAMO
PARTNER
ISCRIZIONI
ARCHIVIO
CONTATTI

2012: 9th edition

august 30
september 8
 
NEWS
FILM
Selezione Ufficiale
Eventi Speciali
Venice Nights
Miu Miu Women's Tales
Progetti Speciali
Notti veneziane
Premio Lux
PROGRAMMA
INCONTRI
INTERVISTE
GALLERY

main sponsor





creative partner




PROGRAMMAZIONE

31/08/2012 h 09:00Volpi
Press, Industry, Professional

04/09/2012 h 22:30Pasinetti
Pubblico, tutti gli Accrediti
Segue incontro con il pubblico

05/09/2012 h 09:00Volpi
Tutti gli Accrediti
Selezione Ufficiale
HAYUTA VE BERL - EPILOGUE
di Amir Manor
Opera prima, prima internazionale
 
Israele, 2012, 96', Red, 4K, colore
 
sceneggiatura Amir Manor
fotografia Guy Raz
montaggio Iris Ozer
musica Ruth Dolores Weiss
scenografia Rotem Cohen, Barak Vazan
interpreti Yosef Carmon (Berl), Rivka Gur (Hayuta)
Efrat Ben Zur, Itay Turgeman, Shai Avivi, Natan Zehavi
Yaron Brovinski, Hagar Ben Asher, Rotem Keinan, Efrat Aviv
 
produttore Assaf Amir
produzione Norma Productions
produttori associati Adar Shafran, Roni Abramowsky
in associazione con Firma Productions
 
vendite internazionali Urban Distribution International
14 rue du 18 Aout, F-93100, Montreuil sous Bois, France
Tel +33 1 48704655 - Fax +33 1 49720421
 
Ufficio Stampa Wolf
Gordon Spragg, Laurin Dietrich & Michael Arnon
hello@wolf-con.com
Tel +49 157 74749724
 
Hayuta e Beri, una coppia di anziani, trova difficile adattarsi all'odierna Israele e ai cambiamenti sociali che avvengono intorno a loro. Dopo anni di lotte, i due si rifiutano di abbandonare i loro sogni e l'idea rivoluzionaria di costruire uno stato sociale in Israele. In una notte di penosa disillusione, la coppia decide di lasciare l'appartamento per intraprendere un ultimo viaggio.
«Tre anni fa ho perso entrambi i miei nonni malati di cancro. Entrambi erano per me dei modelli che incarnavano la grandezza dello spirito umano e mi hanno lasciato un vuoto enorme. Al dolore della loro scomparsa si è aggiunto quello che ho provato nel vederli, nel momento della sofferenza e dell'angoscia, costretti ad ammettere l'illusorietà dei loro principi più cari. La solidarietà, alimentata dal lavoro di tutta una vita, è stata spazzata via dagli interessi personali. La responsabilità collettiva, la cura per gli altri, il senso di reciprocità: tutto è stato spazzato via da un cieco e alienante consumismo e da una burocrazia spregevole. Questa non è solo una storia personale. Il film presenta un ritratto doloroso della vecchiaia in Israele». (Amir Manor)
 
Amir Manor, regista e sceneggiatore, all'età di diciotto anni entra a far parte del movimento giovanile socialista "Ha Noar Haoved Ve Halomed", un'esperienza che contribuisce a formare la sua identità politica. Prende parte alle azioni del movimento e di gruppi collettivi in tutta Israele. A venticinque anni lascia il movimento e lavora come giornalista economico-sociale a Gerusalemme per la rivista «Kol Ha'ir». In seguito lascia la rivista e lavora per il programma televisivo Ovda, collaborando anche a uno dei più grandi quotidiani israeliani, «Ma'ariv». Laureato all'Università di Tel Aviv presso il Dipartimento Cinema e Televisione, inizia la carriera di regista con una serie di corti e mediometraggi, tra cui Reds, con il quale si aggiudica il premio per il miglior film al Festival di Gerusalemme nel 2007. Hayuta ve Berl è il suo primo lungometraggio.

DOWNLOAD

PHOTOGALLERY HIGH RES
© Associazione Culturale Giornate degli Autori - via Panaro 17 (RM) - P.IVA 08079171008 Design: EU-GENIA srl - Webmaster: Daniele Sorrentino