Selezione Ufficiale

Cigare au miel
Honey Cigar

di Kamir Aïnouz
Francia, Algeria, 2020, 100', colore, DCP
Sceneggiatura: Kamir Aïnouz
Coming soon...

fotografia
Jeanne Lapoirie
montaggio
Albertine Lastera 

suono
Melissa Petitjean
Laurent Benaïm
Héléna Reveillere
Corinne Dubien
musica
Julie Roué
scenografia
Angelo Zamparutti
costumi
Isabelle Pannetier

interpreti
Zoé Adjani [Selma]
Amira Casar [madre di Selma]
Lyes Salem [padre di Selma]
Louis Peres [Julien]
Idir Chender [Luka]
Axel Grandberger [William]
Jud Bengana [Sélim]
Rym Takoucht [Hafida Benslimane]
Samir El Hakim [padre di Hafida Benslimane]
Fatima Hachache [Yaya]
Jean-Yves Chilot [professore]
Robert Bradford [direttore]
Blu Yoshimi [Giulia]
Xavier Mussel [medico pronto soccorso]
Zinedine Hamdouche [militare algerino]

produzioni
Eliph Productions
Willow Films
produttori
Christine Rouxel
Marie-Castille Mention-Schaar

co-produzioni
Les films du Fleuve
Les productions du Ch'timi
Les Films du Mirakle et M.D.Ciné
co-produttori
Luc et Jean-Pierre Dardenne
Delphine Tomson
Dany Boon
Kamir Aïnouz
Malek Ali Yahia

vendite internazionali
Best Friend Forever
sales@bffsales.eu
www.bestfriendforever.be


Parigi, 1993. Selma, diciassette anni, vive con la sua famiglia berbera borghese e secolare. Quando incontra Julien, un giovane affascinante per cui prova una forte attrazione, si rende conto per la prima volta delle severe regole della sua famiglia patriarcale e di come queste influiscano sulla sua intimità. Mentre l'islamismo assume il controllo del paese di origine e la famiglia si sgretola, Selma scopre quanto sia potente il suo desiderio. Deve resistere e combattere. Attraverso la forza della sua gente, inizia a camminare lungo la strada che le farà capire cosa significhi diventare una donna libera.




 

Filmografia

2020 Cigare au miel [Honey Cigar]




Sono cresciuta a Parigi, in una famiglia di immigrati algerini erudita. Quando ho attraversato il periodo adolescenziale negli anni Novanta, mi sono scontrata con una cultura patriarcale che non conosce frontiere. Nemmeno i continui avvertimenti di mia madre, oltre a tutto il resto, mi hanno preparato alla violenza del dominio totale di un genere su un altro: ho scoperto che i corpi delle donne erano campi di battaglia. Per mia fortuna, provengo da una famiglia di rivoluzionari. Quando tornavo a casa ad Algeri e nella Cabilia, vedevo le donne della mia famiglia esprimere le loro opinioni attraverso gli occhi, i gesti, il linguaggio del corpo. E vedevo gli uomini rispondere allo stesso modo. Il desiderio, anche se taciuto, era ovunque. Con Cigare au miel, volevo esplorare i modi in cui ci si libera dalle catene più pesanti e, talvolta, più tenere.

Nata a Parigi da genitori algerini, Kamir Aïnouz ha vissuto sette anni a Los Angeles, dove ha studiato sceneggiatura alla UCLA e ha frequentato numerosi workshop presso la USC School of Cinematic Arts. Sorella del regista brasiliano-algerino Karim Aïnouz, Kamir si è concentrata sui temi ispirati alla sua doppia origine algerina e francese. In qualità di sceneggiatrice per il cinema e la televisione, ha lavorato tra gli altri nel film di Lisa Azuelos, LOL - Pazza del mio migliore amicoCigare au miel rappresenta il suo debutto alla regia. Per lo sviluppo della sceneggiatura originale, è stata selezionata al Rawi Screenwriters Lab con il supporto del Sundance Institute e ha ricevuto una borsa di studio dall'Associazione Beaumarchais-SACD.




Indietro  |  Condividi su