Selezione Ufficiale

Kitoboy
The Whaler Boy

di Philipp Yuryev
Russia, Polonia, Belgio, 2020, 94', colore, DCP
Sceneggiatura: Philipp Yuryev
Coming soon...

fotografia
Mikhail Khursevich
Yakov Mironchev
montaggio
Karolina Maciejewska
Alexander Krylov
Philipp Yuryev 

musica
Krzysztof A Janczak
suono
David Vrancken
scenografia
Georgy Kolotygin
Artem Kuzmin
costumi
Boris Kukolkin

interpreti
Vladimir Onokhov
[Leshka]
Kristina Asmus
[ragazza americana]
Vladimir Lyubimtsev
[Kolyan]
Nikolay Tatato
[nonno]
Arieh Worthalter
[guardia di frontiera]
Maria Chuprinskaya
[ragazza bionda]

produttore
Alexey Uchitel
produzione
Rock Films 
co-produttori
Kira Saksaganskaya
Marion Hänsel
Jacek Kulczycki
Magdalena Zimecka
Radoslawa Bardes
co-produzioni
Orka
Man's Films Productions

con il supporto di
The Foundation for development modern cinematography KINOPRIME
Ministry of Culture of the Russian Federation
Polish Film Institute
Shelter Prod
Centre du Cinéma et de l'Audiovisuel de la Fédération Wallonie-Bruxelles
Taxshelter.be
ING
Tax Shelter du gouvernement fédéral de Belgique


Leshka vive in un villaggio sperduto sullo Stretto di Bering che divide la Russia dagli Stati Uniti, tra il circondario autonomo della Čukotka e l'Alaska. È un adolescente ed è anche un cacciatore di balene, come la maggior parte delle persone nel paese. Da poco, è possibile accedere a Internet. L'unico momento di conforto per i ragazzi è diventata una video chat erotica che si interrompe continuamente. Il buffering, comunque, non impedisce di osservare giovani donne che vivono a migliaia di chilometri di distanza. Per tutti sembra essere poco più che un passatempo divertente, per Leshka invece si trasforma in una cosa seria quando si imbatte in una ragazza che gli cambia la vita. Al mattino presto, Leshka ruba un motoscafo, un binocolo e un arpione, e parte. Si prospetta un viaggio folle. Arriverà in Alaska?




 

Filmografia

2020 Kitoboy [The Whaler Boy]
2012 Pesnya mekhanicheskoy ryby
[The Song of the Mechanical Fish, short]
2010 Vidoizmenennyy landshaft
[The Modified Landscape, short]
2008 Utro drugimi glazami
[The Morning with Different Eyes, short]





L'idea di questo film mi è venuta durante un viaggio nell'estremo nord della Russia. Arrivati in un piccolo villaggio di pescatori, notammo che le donne più giovani erano partite per frequentare le scuole estive in città. Quell'esodo fu una vera tragedia per i ragazzi locali che dovettero trascorrere tre lunghi mesi da soli. Di fatto, circondati da una tundra senza fine, quei giovani furono totalmente abbandonati dalle donne, anche perché le ragazze del villaggio più vicino non potevano spostarsi per una semplice visita. La connessione alla Rete era scadente. L'unico modo per osservare delle ragazze era una video chat erotica che peraltro si interrompeva spesso. È stato proprio in quel momento che ho scritto la prima versione di questa storia. Ho deciso di trasferire la storia a Čukotka, in un piccolo villaggio popolato da cacciatori di balene. Il protagonista, Leshka, sperimenta i tipici problemi adolescenziali legati alla solitudine, il desiderio di trovare l'amore e il sentirsi incompreso dai suoi amici. Sono proprio esperienze del genere a rendere universale questa storia.

Senza alcuna esperienza cinematografica, Philipp Yuryev (Mosca, 1990) è stato ammesso all'Università Statale Russa di Cinematografia. Con il suo primo cortometraggio realizzato durante gli studi, Utro drugimi glazami, si è aggiudicato numerosi premi internazionali. Eguale successo ha ottenuto con Vidoizmenennyy landshaft. Il suo film di diploma, Pesnya mekhanicheskoy ryby è stato selezionato al Sundance e al Festival di Clermont-Ferrand. Kitoboy è la sua opera prima.




Indietro  |  Condividi su