Premio Lux

STYX

di Wolfgang Fischer
Germania, Austria, 2018, 94', colore, DCP
Sceneggiatura: Wolfgang Fischer, Ika Künzel
Sabato 01 Settembre 2018
09:30 Cinema Astra Proiezione su invito da ritirare presso la Villa degli Autori
Versione originale con sottotitoli in inglese
 

sceneggiatura
Wolfgang Fischer
Ika Künzel
fotografia
Benedict Neuenfels
montaggio
Monika Willi

musica
Dirk von Lowtzow
suono
Uwe Dresch
Andre Zimmermann
costumi
Nicole Fischnaller

interpreti
Susanne Wolff (Rike)
Gedion Oduor Wekesa (Kingsley)

produttori
Marcos Kantis
Martin Lehwald
Michal Pokorny
produzioni
Schiwago Film

co-produttori
Alexander Dumreicher-Ivanceanu
Bady Minck
co-produzioni
Amour Fou Vienna
in collaborazione con
WDR
ARTE

vendite internazionali
Beta Cinema
contatto

Rike incarna il tipico modello occidentale che cerca continuamente felicità e successo. È istruita, sicura, determinata e impegnata. La vediamo nella vita di tutti i giorni come un medico d'urgenza oberata di lavoro, prima di iniziare la vacanza tanto agognata a Gibilterra. Finalmente, realizza il sogno coltivato da lungo tempo: da sola su una barca a vela. La sua meta è l'isola di Ascensione nell'Oceano Atlantico. La sua vacanza, però, è presto interrotta quando, dopo una tempesta, si trova a stretto contatto con un peschereccio pieno di rifugiati che sta per affondare. Senza un suo intervento, un centinaio di persone potrebbe affogare. Rike, usa la radio per chiedere aiuto - legalmente, non sarebbe obbligata a fare altro. Ma quando le sue chiamate restano senza risposta, e poi sono respinte per vari motivi, vince le sue paure e cerca di salvare più persone che può.

 

Filmografia

2018 Styx
2013 Der Bär (The Bear)
2009 Was du nicht siehst (What You Don't See)
2001 Grau (Grey, cm)
2000 Schön 2000 (cm)
1999 Disk - Dusk
1999 Remake of the Remake (doc)
1999 9h11 (cm)
1994 In Time (cm)

«Eravamo certi di voler realizzare un film fisico, fatto di corpi, e con pochi dialoghi. Con una persona che si avventura in un ambiente ostile che non può tenere completamente sotto controllo, dove è necessario possedere una grande esperienza. Questo era il punto iniziale: qualcuno parte per il mondo, affronta questi elementi e cerca di dominare le sfide che ne derivano. Convivere con la propria solitudine è un tema importante: oggi, chi è capace di questo? La protagonista si mette in viaggio senza cellulare e senza accesso a Internet al fine di isolarsi su una barca per settimane - e adora far questo. Tutto ciò era intrigante. Rike non ha bisogno di nient'altro per stare bene. È una persona sensuale. La vediamo nuotare in mare aperto e sorridere quando sente battere sul suo viso i primi raggi di sole o quando il vento soffia sulle vele. O quando parla del suo sogno, il paradiso dove è diretta».
Wolfgang Fischer (Vienna, 1970) studia Psicologia e Pittura presso l'università di Vienna, poi Cinema all'Accademia d'Arte di Düsseldorf e all'Accademia di Arti multimediali di Colonia. Ai vari incarichi come insegnante affianca lavori come assistente per Paul Morrissey e Nan Hoover. Riceve una borsa di studio dal Munich Screenplay Program e da Equinoxe Europe.

Indietro  |  Condividi su